APPELLO DEL PONTEFICE ROMANO CONTRO IL PRECARIATO

                       

IMPORTANTE APPELLO DEL PONTEFICE ROMANO BENEDETTO XVI , in difesa della famiglia. Perché la piaga della precarietà sia sconfitta. Il Pontefice, lancia il suo grido d’allarme ricevendo oggi in Vaticano circa 200 rappresentanti del Forum delle Associazioni familiari che hanno raccolto più di un milione di firme per sollecitare politiche governative di alleggerimenti fiscali (tramite deduzioni) a genitori con figli a carico. “Dalle famiglie si leva, talvolta persino inconsapevolmente, un grido, una richiesta di aiuto che interpella i responsabili delle pubbliche amministrazioni, delle comunità ecclesiali e delle diverse agenzie educative” dice il Santo Padre.

Nella Sala Clementina Benedetto XVI ha sottolineato la “lodevole iniziativa” del Forum e sopratutto la necessità di “sensibilizzare i governanti e l’opinione pubblica sul ruolo centrale e insostituibile che svolge la famiglia nella nostra società”. “Un’azione politica che voglia guardare al futuro con lungimiranza non può non porre – ha continuato Benedetto XVI – la famiglia al centro della sua attenzione e della sua programmazione”.

Benedetto XVi richiama l’attenzione sulle “moderne condizioni sociali”, ricordando “l’ideale della fedeltà e della solidità dell’amore coniugale, avere ed educare dei figli, conservare l’armonia del nucleo familiare” in una società nella quale “non mancano purtroppo, e sono addirittura in aumento, le crisi matrimoniali e familiari”. Da questo la richiesta di maggiore attenzione rivolta a chi governa.
Fonte: la repubblica.it

AUSPICHIAMO CHE L’APPELLO DEL SANTO PADRE VENGA PRESO IN DEBITA CONSIDERAZIONE, INCLUDENDO ANCHE IL PERSONALE MILITARE CHE LOTTA PER LA STABILIZZAZIONE DA TEMPO, CON FAMIGLIE, ANCHE CON FIGLI, CHE HANNO PARTICOLARE  NECESSITA’ , GIOVANI E MENO GIOVANI CHE SPERANO CHE IL LORO IMPEGNO VENGA VALORIZZATO ADEGUATAMENTE NELL’INTERESSE NON SOLO PROPRIO MA DELL’INTERO PAESE.

16 MAGGIO 2008

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: